Evitare sostanze nocive con una yogurtiera

Hai letto l’etichetta dello yogurt ultimamente? Se volete evitare gli ingredienti artificiali e tutto ciò che ha aggiunto zucchero, preparate il vostro yogurt a casa vostra. Una yogurteria è la risposta più comoda e spesso economica per soddisfare la risposta ai vostri sani bisogni di yogurt. 

I benefici dello yogurt

Lo yogurt è intrinsecamente un super alimento, ricco di proteine, calcio e probiotici. Se siete in missione per la perdita di peso, le proteine dello yogurt possono aiutarvi a sentirvi pieni più a lungo e a mangiare meno calorie. Il calcio e la vitamina D in questa delizia casearia può aumentare la salute delle ossa e scongiurare l’osteoporosi. La ricerca suggerisce che i probiotici (colture attive) che sono brulicanti nello yogurt possono ridurre il rischio di cancro al colon, migliorare la funzione del sistema immunitario, aiutare ad alleviare la stitichezza e la diarrea, prevenire le infezioni da lieviti e promuovere l’assorbimento di vitamine e minerali. Inoltre, lo yogurt da sogno cremoso è un alimento di conforto sano che si può mangiare a casa o in viaggio. Ma perchè farlo in una yogurtiera? È molto semplice da fare. Lo yogurt è fondamentalmente latte coltivato a cui si possono aggiungere dolcificanti, puree di frutta o frutta fresca. Quando preparate il vostro yogurt a casa, avete il controllo sugli ingredienti, il che significa che potete regolare la dolcezza a vostro piacimento, usando miele, sciroppo d’acero, zucchero o un altro dolcificante a vostra scelta, e mantenerlo il più naturale possibile.

Infine, facendo lo yogurt a casa con la propria yogurtiera si evitano tutte quelle sostanze che fanno male che sono presenti negli yogurt commerciali. Perchè doverci rimettere di salute per soddisfare quella voglia di yogurt fruttato? L’acquisto di una yogurtiera sicuramente non vi farà pentire. È spesso economica, facile da usare e vi darà tutta la versatilità che volete nella preparazione di yogurt, magari abbinati alla vostra frutta preferita. 

Leggi anche Pressione bassa: cosa mangiare?